SEI IN > VIVERE MENDRISIO > ATTUALITA'
comunicato stampa

Al via la campagna di sensibilizzazione “Pedalare +Sicuri”

2' di lettura
14

Nell’ambito dei propri compiti di prossimità svolti secondo il motto “+Vicini +Sicuri”, la Polizia della Città di Mendrisio e Regione II rilancia un’azione mirata al tema della bicicletta ed intitolata “Pedalare +Sicuri”.

Con la campagna si intende informare e promuovere la sicurezza ed un comportamento responsabile e rispettoso delle regole della strada durante la guida. Il tutto, sensibilizzando gli utenti al fine di ridurre gli incidenti stradali e le conseguenze sulla salute, migliorare la convivenza tra ciclisti, automobilisti e pedoni, nonché fronteggiare la crescente problematica dei furti di biciclette e e-bike, Il territorio della Città di Mendrisio e dei Comuni convenzionati per i servizi di polizia (Arogno, Bissone, Brusino Arsizio, Castel S. Pietro, Coldrerio, Val Mara, Riva San Vitale, Stabio) invita alla mobilità dolce sia nel tempo libero, sia nella vita quotidiana.

Che sia per necessità o per diletto, viaggiare in bicicletta presuppone di doversi informare e confrontare con la sicurezza sulla strada, a cominciare dal rispetto delle norme della circolazione stradale. Pedalare da soli o in gruppo, superare o meno le colonne di auto, fermarsi al semaforo rosso, adattare la velocità di percorrenza alle condizioni stradali e di visibilità implicano determinati comportamenti che meritano di essere sensibilizzati con una certa regolarità.

Ma non solo. Altrettanto importante è dotarsi di un equipaggiamento confacente alla situazione, che garantisca la massima sicurezza e una buona visibilità, evitare gli infortuni è la priorità assoluta. Secondo i dati dell’Ufficio federale delle strade USTRA, in base alle statistiche sugli incidenti stradali nel 2023 in Svizzera gli incidenti mortali sono stati 26 (+7 rispetto al 2022), 733 ciclisti rimasti feriti gravemente (-36 rispetto al 2022). Dei 759 ciclisti rimasti coinvolti in incidenti, poco meno del 66 % è risultato essere responsabile del sinistro.

Per quanto concernono le e-bike, nel 2023 in Svizzera gli incidenti mortali sono stati 16 (-7 rispetto al 2022) e 595 sono rimasti gravemente feriti (+35 rispetto al 2022), anche in questo caso dei 609 conducenti di e-bike rimasti coinvolti in incidenti, poco meno del 73 % è risultato essere responsabile del sinistro. Non da ultimo, i conducenti di biciclette tradizionali o e-bike devono fare i conti con i furti. La Polizia cantonale riscontra infatti che in Ticino, nel 2023, vi è stata una forte crescita rispetto l’anno precedente per quanto concernono i furti di e-bike (420 contro 222). Vale quindi la pena di munirsi di dispositivi antifurto e seguire alcuni semplici consigli di prevenzione.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-04-2024 alle 18:24 sul giornale del 17 aprile 2024 - 14 letture






qrcode